OK!Valdisieve

Taccuino elettorale, prima puntata. I messaggi in redazione in vista delle elezioni

E il Popolo della Famiglia informa di avere un candidato di origini mugellane, ecco chi è

  • 174
Elezioni Elezioni © N. c.
Font +:
Stampa Commenta

IIniziamo con il circolo A. Evans del Popolo della Famiglia Mugello, che informa che:

in questa tornata elettorale il simbolo del Popolo della famiglia sarà presente sulla scheda elettorale se riuscurannoa a compiere quella che definiscono una impresa davvero impossibile, ovvero raccogliere le firme necessarie a chi non siede già in parlamento, questo nonostante il brevissimo tempo a disposizione, ed il fatto di doverlo fare sotto il sole di metà agosto!

Spiegano: 'Chiederemo le firme e poi il voto su una lista di nomi di persone nuove, e con la sorpresa di un candidato di origini mugellane, dell'alto mugello per la precisione, Pierluigi Tossani nato a Firenzuola' .

Nei giorni precedenti, invece, la lista Sinistra per Calenzano ci aveva inviato questa riflessione sui nuovi equilibri politici:

 Con l’avvicinarsi al voto nazionale del 25 settembre, come Sinistra per Calenzano esprimiamo sconcerto per gli ultimi equilibrismi elettorali e soprattutto per lo scioglimento del campo largo progressista, mentre registriamo con rammarico, ancora una volta, l’assenza di una proposta politica di governo che possa rappresentare appieno il popolo della Sinistra.

Nonostante il pericolo incombente di un governo guidato dalla destra peggiore e potenzialmente in grado di stravolgere la Costituzione e di portare ad una grave involuzione il Paese, vediamo infatti mancare una proposta larga e unitaria con una piattaforma programmatica comune incentrata su emergenze sociali e ambientali e costruita per tempo.

Errori politici, veti incrociati e personalismi si sono sommati alle oggettive divergenze su temi rilevanti affossando in poche settimane l’unica seria possibilità di contendere davvero alla destra il governo del Paese, ovvero un’alleanza basata sull’asse Partito Democratico - Movimento 5 Stelle, aperta ai contributi di altre forze. Le responsabilità più rilevanti di questo fallimento sono di tutti i soggetti, a partire da quelli che hanno il maggior peso politico ed elettorale. 

Un’occasione sprecata anche per la sinistra, che poteva trovare un ruolo da protagonista facendosi garante dell’asse giallorosso sin dalle prime battute. Così non è stato, e negli anni non sono valsi a nulla i ripetuti appelli per la creazione di una forza di sinistra pacifista ed ecologista in grado di aggregare le sparse membra a sinistra del PD e dare risposta alle evidenti crisi sociali e ambientali, rinunciando a bandierine ed egoismi.

Il campo del centro-sinistra, presentandosi quindi diviso e rassegnato alla sconfitta, rischia di aumentare il distacco dei cittadini dalla politica e di lasciare spazio al grande partito dell’astensione.... (segue)

Per poi concludere:

Come forza civica nata per riunire la Sinistra calenzanese, siamo convinti che la costruzione di un’alternativa alla destra vada costruita con pazienza e tenacia, con un confronto fra le forze progressiste nel merito delle scelte programmatiche in grado di coinvolgere i cittadini e le tante energie positive che si trovano nelle nostre comunità ed aspirano ad un mondo migliore.

È questo l’impegno che intendiamo portare avanti sul nostro territorio, anche in presenza di questo difficile contesto politico nazionale che rende oggettivamente tutto più complicato.

In merito alle prossime elezioni il Nuovo Partito Comunista Italiano chiede di:

Per moltiplicare la mobilitazione dobbiamo usare anche le elezioni del 25 settembre indette dalla banda Mattarella, Draghi e complici.

Dobbiamo rendere il futuro Parlamento ingestibile per i sostenitori ferventi o morbidi dell’agenda Draghi.

Dobbiamo riempire il nuovo Parlamento di nemici dichiarati dell’agenda Draghi. Quindi

1. incitare tutti gli astenuti (nelle ultime elezioni erano quasi 17 milioni che sommati agli elettori del M5S facevano più di 27.5 milioni di elettori su 50.8) ad andare il 25 settembre a votare per la lista UNIONE POPOLARE con de Magistris.

2. mobilitarsi e mobilitare da subito “tutti” a firmare e far firmare per la lista UNIONE POPOLARE con de Magistris (basta andare con documento di identità in uno dei locali reperibili dai siti dei gruppi componenti alla lista).

Unione Popolare con de Magistris (www.unionepopolare.blog), coalizione composta da Potere al Popolo (www.poterealpopolo.org), Partito della Rifondazione Comunista (www.rifondazione.it), DemA (www.dem-a.it), gruppo parlamentare ManifestA (sito web assente). Capo politico della lista: Luigi de Magistris.

Nei giorni precedenti era intervenuta con una nota alla nostra redazione anche Yana Ehm, in occasione delle ricorrenza dell’anno Liberazione di Firenze:

«La giornata dell’11 agosto, memoria della liberazione di Firenze, impegna noi tutti a lavorare senza sosta per la pace, la giustizia ambientale e sociale. L’antifascismo, quale valore di ricerca della giustizia sociale, non dovrebbe mai essere un’arma di ricatto o di raccolta voti, specie in tempo di elezioni.» Lo ha affermato la deputata di ManifestA, Yana Ehm nellannunciare la sua presenza, nelle scorse settimane, in Piazza della Signoria per lo svolgimento degli appuntamenti ufficiali del Comune di Firenze in occasione della commemorazione della giornata di liberazione dal nazifascismo della città di Firenze.

Anche Ancora Italia ha inviato un messaggio alla nostra redazione così come agli altri giornali, in riferimento al successo degli appuntamenti per la raccolta delle firme:

Il dato  più eclatante è quello di  Pistoia dove in sole due ore e senza alcun preavviso, abbiamo raccolto oltre 200 firme, ma segnali entusiasmanti ci giungono da tutta la regione. Sono migliaia i toscani che, nonostante il periodo agostano e questa folle campagna elettorale balneare che ci è stata imposta,  hanno sentito il bisogno di firmare per la nostra lista. La cosa ci rende orgogliosi perché  testimonia il buon lavoro fatto in questi due anni, a contatto con le persone e con loro reali problemi, a difesa della costituzione contro i soprusi e la negazione dello stato di diritto” . Lo dice l’ufficio di presidenza di Ancora Italia/Italia Sovrana e Democratica della Toscana, commentando l’andamento della raccolta di firme per presentare la lista alle prossime elezioni.

“Vogliamo trasformare questa raccolta firme in una grande festa delle democrazia, anche per lanciare un segnale ai partiti che pensano di poter vincere a man bassa e che già si stanno spartendo le poltrone ad ogni livello. Uno spettacolo indecente cui risponderemo con la forza della democrazia. Per cui invitiamo tutti a recarsi presso i luoghi indicati sui nostri canali per firmare la lista e dare una scossa al Paese”  conclude l’ufficio di presidenza AI/Italia Sovrana e Popolare Toscana.

Infine ricordiamo che nelle scorse settimane avevano parlato della candidatura di Simona Baldanzi per Unione Popolare (clicca qui)

 

Lascia un commento
stai rispondendo a