OK!Valdisieve

Barbiana: Il Presidente Mattarella onora Don Milani

Emozionante cerimonia alla presenza delle alte cariche dello stato e della Chiesa.

  • 1119
Lago Viola Lago Viola © OKMugello
Font +:
Stampa Commenta

Stamani mattina tanta gente e molti gonfaloni dei comuni toscani insieme ai loro Sindaci, al Lago Viola di Vicchio per assistere dal maxi schermo, alla cerimonia di commemorazione dei 100 anni della nascita di don Milani che si è tenuta a Barbiana. Ha aperto gli interventi il  Sindaco di Vicchio Carlà Campa che dopo i ringraziamenti ai presenti e al Presidente Mattarella ha sottolineato come con il messaggio di Barbiana da una piccola chiesa del Mugello, si può cambiare il mondo.

Successivamente il Presidente della Regione Eugenio Giani, ha ricordato Michele Gesualdi sottolineando come Barbiana sia il luogo di una pietra miliare della pedagogia  che è “Lettera a una Professoressa". Don Milani più messo ai margini più il suo messaggio è stato forte. Pensiamo al messaggio sull’obiezione di coscienza messaggio molto importante anche  oggi per tanti giovani. Agostino Burberi  Presidente Fondazione don Milani ed ex allievo della scuola. La presenza di Papa Francesco e del Presidente Mattarella, colmano un vuoto che si era creato e ci restituiscono un don Lorenzo, patrimonio di tutti.

Matteo Zuppi Presidente della Conferenza Episcopale Italiana - Tutti dobbiamo leggere Lettera a una Professoressa perchè è importante anche per noi perchè ci aiuta a verificare da che parte stiamo e ci aiuta a scegliere. Barbiana è un luogo che ci fa pensare alle altre Barbiana sparse nel mondo. La lezione di Don Milani è per tutti perchè prete e cittadino che ha creato una scuola che non certifica il demerito ma offre opportunità a tutti. Nel passare degli anni, abbiamo visto la fecondità del messaggio di Don Milani  e della scuola di Barbiana che ha insegnato a esprimentesi ai poveri ed essi gli hanno insegnato a vivere. La Chiesa ha faticato a comprendere il messaggio di don Milani ma la pietra scartata è diventata testata d’angolo. La Chiesa ha oggi pienamente ristabilito un credito a questo sacerdote con la visita di Papa Francesco e la sua preghiera sulla sua tomba.

Rosi Bindi Presidente del comitato per il festeggiamenti del centenario - Don Lorenzo è stato un uomo inquieto ma desideroso di assoluto. Don Lorenzo non ha bisogno di essere considerarlo spina nel fianco della Chiesa passata perchè dice molto anche a quella di oggi e Papa Francesco incarna molto bene il suo messaggio. La presenza del Presidente Mattarella, ha un alto valore simbolico. La sua presenza qui a Barbiana come fu quella di Papa Francesco nel 2017, ci restituisce un grande italiano.

Il Presidente Mattarella - Don Milani ha sviluppato il senso critico ai suoi ragazzi ed ha avuto nella scuola come punto di riscatto e non di selezione.  Un prete a volte fuori dalle righe che allora destava sospetto, ma un cristiano tutto di un pezzo. Ha messo in luce come la povertà di linguaggio crea una prima discriminazione, per questo la scuola è di tutti e per tutti e che non seleziona ma deve promuovere.

Lascia un commento
stai rispondendo a