Nuovo incidente nel weekend in Via Aretina, Giannelli e Gallego: "Serve un incontro con ANAS"

Sabato sera un nuovo incidente stradale in Via Aretina a Compiobbi, I consiglieri Gallego e Giannelli si dicono non soddisfatti delle giustificazioni delle amministrazioni di Pontassieve e Fiesole e vogliono un incontro con ANAS.

Cronaca
visibility922 - martedì 12 aprile 2022
di Martina Stratini
Più informazioni su
Incidente stradale
Incidente stradale © Pixabay

Un nuovo incidente stradale a Compiobbi è avvenuto sabato sera 9 aprile in Via Aretina nell'abitato di Compiobbi. Fortunatamente nessuna conseguenza per le persone a bordo delle autovetture. Via Aretina è spesso teatro di incidenti stradali e, proprio su questo tema, si sono voluti esprimere i consiglieri Giannelli e Gallego.

"Il Sindaco di Fiesole dovrebbe ricordare - sottolinea Alessandra Gallego, capogruppo di Fiesole Viva - che non esistono cittadini di serie A e di serie B.Per la Valle del Mugnone, infatti, non mancano mai progetti ed investimenti, completamente assenti per la Valle dell'Arno; solo vacue promesse, seguite dal nulla e da nessun fatto concreto. Quel tratto e quella curva di via Aretina rappresentano da sempre un problema. E'il momento che il comune faccia la voce grossa con Anas, a tutela dei cittadini. Nei prossimi giorni depositerò una mozione per chiedere, da parte del comune di Fiesole, impegni concreti volti alla messa in sicurezza del tratto stradale."

"Proprio poche settimane fa - precisa Giampaolo Giannelli, portavoce Fratelli d'Italia di Pontassieve e responsabile provinciale dipartimento trasporti - dopo l'ennesimo incidente, avevamo puntato il dito contro l'inerzia delle amministrazioni comunali. Non siamo stati ascoltati, così come non sono state accolte le istanze dei cittadini che hanno organizzato un sit in per denunciare la pericolosità di quel tratto di via Aretina."

"Trincerarsi, come fanno da sempre, le amministrazioni comunali di Fiesole e Pontassieve, per giustificare la loro inerzia, solo con la competenza di Anas, è semplicemente vergognoso. Visto l'immobilismo dei comuni - concludono gli esponenti di Fratelli d'italia -chiederemo comunque un incontro ad Anas affinchè si giunga ad una soluzione nel più breve tempo possibile. Perché la sicurezza dei cittadini non può più attendere".

Lascia il tuo commento
commenti