OK!Valdisieve

Scandicci dimostra determinazione, ma Novara vince la partita al tie break.

"Con questa sconfitta 3-2 abbiamo limitato i danni e questo è importante."

  • 43
La Savino Del Bene Scandicci. La Savino Del Bene Scandicci. © Ufficio stampa Savino Del Bene Scandicci.
Font +:
Stampa Commenta

Nell’anticipo della sedicesima giornata di campionato la squadra di Barbolini si prepara ad un vero e proprio big match. Infatti la Savino Del Bene, tra le mura amiche di Palazzo Wanny, affronterà le zanzare della Igor Gorgonzola Novara, quarta forza della Serie A1 di pallavolo femminile. Non solo una sfida di alta classifica per la squadra di Scandicci, ma anche di orgoglio poiché le piemontese sono l'unica formazione ad aver inflitto una sconfitta per 3-0Reduce da dieci successi consecutivi tra campionato e coppa la Savino Del Bene si prepara dunque ad una partita in cui cercare la rivincita su Novara, ma che è soprattutto importante in ottica di classifica.

Le giocatrici della Savino Del Bene che in passato hanno indossato la maglia della Igor Gorgonzola Novara sono Veronica Angeloni, che ha giocato per l'Asystel Novara nell'annata 2005-2006 e ha conquistato la Supercoppa Italiana e la Top Teams Cup. Sara Alberti, che con la maglia delle zanzare ha vinto lo scudetto nella stagione 2016-2017, e Haleigh Washington che si è unita alla formazione di casa dopo aver trascorso a Novara le stagioni 2020-2021 e 2021-2022.

Va poi ricordato che in Piemonte ha lasciato il suo segno coach Massimo Barbolini che, a Novara dal 2017 al 2020, proprio con la Igor Gorgonzola Novara ha conquistato la Supercoppa italiana nel 2017, due edizioni della Coppa Italia e soprattutto la CEV Champions League nel 2019.

Non ci sono ex Scandicci nelle fila di Novara, ma nel roster della Igor figura Julia Ituma, opposto classe 2004, di proprietà della società di Scandicci.

Fino ad oggi sono 24 i confronti tra le due squadre, con la formazione piemontese che ha vinto in 18 occasioni.

Massimo Barbolini deve fare a meno di Brenda Castillo, fermata ai box per problemi fisici, e schiera un 6+1 con Di Iulio al palleggio, Antropova da opposto, Zhu e Pietrini in banda, Alberti e Washington da centrali e Merlo come libero.

Coach Lavarini risponde con Battistoni al palleggio, Karakurt come opposto, Chirichella e Danesi da centrali, Bosetti e Adams come schiacciatrici e Fersino da libero.

Subito in apertura la Savino Del Bene va avanti di due punti, grazie al muro di Alberti e un ace di Pietrini. Novara trova subito il pareggio del 2-2, ma le padrone di casa tornano in vantaggio con Pietrini a firmare due punti consecutivi. La squadra di Barbolini, grazie a un errore in attacco di Karakurt, trova anche il +3 e porta il punteggio sul tabellone luminoso a 9-6. La stessa giocatrice turca di Novara guida la rimonta della Igor Volley e con tre punti consecutivi trasina le compagne al 11-12. Con Novara passata al comando la Savino Del Bene ferma il match con un time out, ma le piemontesi di coach Lavarini vanno avanti di tre lunghezze. Scandicci non si scompone e lentamente recupera il terreno perduto. Antropova con un ace accorcia sul 19-20 e Lavarini deve spendere un “tempo”. Sempre Antropova pareggia i conti sul 20-20, mentre è Washington con due muri consecutivi porta di nuovo avanti la squadra di casa. Novara consuma un nuovo time out, ma al rientro in campo riacciuffa il pari sul 24-24. Barbolini emula Lavarini e chiama il suo secondo “tempo”, anticipando una lunga fase punto a punto. A portare a casa il primo parziale è la Savino Del Bene, che vanifica due set point avversari e alla quinta occasione disponibile mette a terra il punto decisivo con un muro vincente di Belien.

Anche nel secondo set parte bene la Savino Del Bene, che si porta in vantaggio fino al 5-2 firmato da Washington. La Igor Volley Novara pareggia la sfida sul 5-5 e passa anche al comando, in entrambe le occasioni con due punti di Danesi. Andata sotto 6-7 la squadra di Barbolini recupera la leadership della frazione con Zhu Ting e piazza un parziale di cinque punti consecutivi che la spingono sul +5. Sul 13-8 Novara non trova la pronta reazione per resistere agli attacchi avversari e Antropova ne approfitta per realizzare il 19-12. La squadra di Lavarini non si arrende e imbastisce la rimonta. Sul 21-17 Barbolini deve fermare il set con un time out, che comunque non arresta la rimonta di Novara, in grado di accorciare fino al -1. Barbolini spende un altro “tempo” ma l'inerzia del set è ormai tutta favorevole alla Igor Volley Novara, che si aggiudica la seconda frazione di gioco sul 25-27.

Nel terzo set è Novara a portarsi subito al comando e le padrone di casa non riescono a recuperare. Sul 6-10 Barbolini sostituisce Pietrini con Sorokaite, ma il cambio non sortisce effetti immediati. Lentamente la Savino Del Bene rientra in partita portandosi sul -1. La formazione di Barbolini non raggiunge mai il pari, ma il 18-20 di Antropova porta ad un time out preventivo di Lavarini. Dopo la pausa Scandicci non riesce a riavvicinarsi e sul 20-23 è Barbolini a ricorrere ad un “tempo”. La Savino Del Bene trova il punto del 22-24, ma dopo un nuovo time out di Lavarini è Novara a chiudere il set imponendosi 22-25.

Grande reazione della Savino Del Bene in apertura di quarta frazione, che sul 3-0 costringe coach Lavarini a  fermare subito la sfida con un time out. Al termine dei trenta secondi Belien trova il muro del +4 e nelle azioni successive la formazione di Scandicci sovrasta le avversarie. Sette punti di vantaggio obbligano Lavarini al time out e Novara riesce a rosicchiare alcuni punti. Il set se lo prende comunque la Savino Del Bene con il pallonetto di Pietrini a fissare il 25-18.

Il tie break è un lungo assolo della Igor Volley Novara. Un ace di Belien consente infatti alla Savino Del Bene di pareggiare sul 2-2, ma è l'ultima parità nel set, tanto che la squadra di Lavarini arriva avanti di tre punti al cambio campo. La seconda metà del tie break è ancora più nettamente favorevole a Novara, che si aggiudica l'ultima frazione di gioco per 8-15.

Dopo dieci vittorie consecutive si arresta la striscia di successi della Savino Del Bene, che tra le mura di Palazzo Wanny viene superata per 3-2 dalla Igor Volley Novara.

Prima sconfitta nel 2023 della formazione di Barbolini che, al termine di una sfida durata due ore e diciannove minuti, si è dovuta arrende al tie break. Per la Savino Del Bene si tratta della quarta sconfitta in campionato, la terza al tie break. Ora la formazione di coach Barbolini dovrà tornare a lavorare in palestra per prepararsi alla prossima sfida: il 25 gennaio la Savino Del Bene scenderà in campo, sempre a Palazzo Wanny, per la gara dei quarti di Coppa Italia contro il Volley Bergamo 1991.

Coach Barbolini ha espresso il suo ottimismo nel post partita: “Sicuramente si poteva fare meglio, ma è sempre così quando si perde. Abbiamo però affrontato una squadra che ha giocato bene. Hanno battuto e ricevuto meglio di noi ed in questo Novara ha fatto la differenza. È stata una bella partita, le due squadre hanno giocato una bella pallavolo: tante difese e non molti errori in attacco. Con questa sconfitta 3-2 abbiamo limitato i danni e questo è importante. Per come si era messa la sfida, quando siamo andati sotto 2-1, avremmo potuto perdere anche da tre punti e Novara avrebbe potuto essere a pari merito con noi in classifica. Ricordiamoci che almeno inizialmente il nostro obiettivo è quello di arrivare nei primi tre posti in classifica e poi cercare di fare il meglio possibile. Manteniamo tre lunghezze di vantaggio su Novara e questo, è lapalissiano, è meglio di essere solamente a +1.”

Lascia un commento
stai rispondendo a