OK!Valdisieve

Lascia la sua amata Sicilia per l'ambito 'posto fisso', "a Pontassieve ho conosciuto persone stupende": la storia di mamma Sabrina

Nell’ottobre 2021 è stata assunta da Poste a tempo determinato nel comune di Vittoria in provincia di Ragusa per poi concludere...

Abbonati subito
  • 2784
Sabrina Distefano, neoassunta al centro distribuzione di Pontassieve,  come portalettere junior Sabrina Distefano, neoassunta al centro distribuzione di Pontassieve,  come portalettere junior © Ufficio stampa Poste Italiane
Font +:
Stampa Commenta

Poste Italiane ha deciso di rendere pubblica la storia di Sabrina Distefano, neoassunta al centro distribuzione di Pontassieve,  come portalettere junior. 

“A 38 anni sto inseguendo il sogno di una stabilità economica e  lavorativa. Questo lavoro mi piace, lo svolgo con passione e dedizione. Questa stabilizzazione è arrivata in un periodo buio della mia vita ed ha rappresentato l’opportunità di voltare pagina e cambiare il corso degli eventi. In Sicilia lascio il mio bambino di 8 anni per 6 mesi l’anno. Faccio tutto questo per cercare di assicurare a lui e a me stessa la stabilità e la serenità  che penso di meritare”.

Nell’ottobre 2021 è stata assunta da Poste a tempo determinato nel comune di Vittoria in provincia di Ragusa per poi concludere il proprio percorso nel PDD di Comiso, sua città d’origine.  Nel Giugno 2023 è stata stabilizzata come part-time.  Sabrina è una mamma che ad Aprile lascia il mare e la sua amata “isola” (Sicilia) per raggiungere  un paese della periferia fiorentina, il cui territorio è in gran parte montano.

La responsabile del Centro distribuzione di Pontassieve racconta che, da subito, la storia, di Sabrina ha acceso la sua curiosità: una ragazza proveniente dalla Sicilia, separata, madre di un bambino, che aveva accettato l’assunzione part-time per 6 mesi all’anno.

“A Pontassieve ho trovato persone meravigliose che mi hanno accolto facendomi sentire come in una grande famiglia. Provenire da un’altra Regione mi spaventava e mi preoccupavano le nuove lavorazioni da effettuare come ad esempio la gestione della sezione serale e la giornata del sabato. Ma i colleghi ed i responsabili mi hanno aiutato e formato,  così da acquisire nuove conoscenze e sicurezza nelle nuove attività lavorative. Le mie speranze sono di vedere crescere mio figlio e poter maturare professionalmente " conclude Sabrina.

Lascia un commento
stai rispondendo a