Con “Zaino in Spalla” in Valdisieve nella Valle dell’Inferno tra case abbandonate e bei boschi

Redazione Ok!Valdisieve Zaino in spalla
visibility917 - OkValdisieve - domenica 06 giugno 2021
Il mio posto del cuore
Il mio posto del cuore © Arianna Lobina

Buon fine settimana camminatori e camminatrici! Eccoci di nuovo insieme per scoprire un nuovo percorso tra i boschi della Valdisieve. Non vi fate ingannare dal nome! Questo itinerario è molto bello (è uno dei miei preferiti) e di infernale ha ben poco; è facile, ha una lunghezza di ca. 8 km per una durata di ca. 3 ore.

Scopriamolo insieme!

Il percorso passo passo

Lasciamo la macchina in fondo a Santa Brigida, dove Via Doccio diventa Via di Parga. Torniamo quindi un pezzettino indietro per raggiugere la Chiesa di Doccio alla cui destra (in Via Monterotondo) partono i sentieri; in questa parte si trova anche una fontana per riempire le borracce.

Iniziamo quindi a salire nel bosco lungo il sentiero 6, costeggiando il Fosso del Risaio, verso Violana (qui è presente una Burraia, ma in proprietà privata), dove ci aspetta la mia amata cascata (purtroppo in estate è secca). Fatte le foto di rito alla cascata ripartiamo e poco dopo svoltiamo a sinistra per Pesciulle (sentiero 3), dove troveremo una bellissima ed inquietante casa abbandonata (si consiglia di non entrare). Prima di raggiungere la casa incontriamo anche un'imponente cerrosughera a cui piacciono un sacco gli abbracci.

Da Pesciulle continuiamo sul sentiero 3 che ci porta all’interno della VALLE DELL’INFERNO con bei boschi ed un ambiente abbastanza selvaggio. Il sentiero ci accompagna fino in cima al monte; da segnalare il curioso nome della sorgente (acqua buona) qui presente: DICAZZOtto. Arrivati in cima troviamo Casa Tagliaferro, una vecchia colonica abbandonata, crollata in parte di recente e di cui a breve rimarrà in piedi ben poco (fate molta attenzione!). Da qui si va verso destra sul sentiero 00 e si incontrano panorami mozzafiato a 360°. Questo è uno dei mei posti del cuore: un punto panoramico bellissimo dove sembra di essere su un altro pianeta.

Prendiamo poi per Croce Aceraia e riscendiamo in paese (sentiero 6) passando nuovamente da Violana.

Il percorso può essere fatto anche all'incontrario, ma io ho sudato veramente 7 camice.

In conclusione: non è proprio un inferno.

 

Maggiori info su due cosine:

  • La chiesa di Doccio è in realtà la cappella privata della famiglia Leonardi che possedeva molti terreni intorno al paese, chiamata anche Oratorio di S. Francesco. Questa fu edificata nel 1747 e donata alla parrocchia di Santa Brigida in seguito alla morte di Filippo Leonardi (09,08,1916). La Chiesa è stata poi restaurata negli anni '80. 
  • La Cerrosughera è un albero raro e possiede sia caratteristiche del Cerro che della Sughera. In Italia, la prima segnalazione dell’albero venne fatta all'inizio del 1800 in provincia di Verona. Vediamo le sue caratteristiche:
  1. Semi sempreverde, con foglie verdi per tutto l'inverno per rinnovarsi verso febbraio-marzo.Alcuni esemplari raggiungono i 25 metri.
  2. Tronco sinuoso, con corteccia bruna con fessure.
  3. Foglie con forma ovale con margine dentato; sulla superficie superiore sono verde scuro, in quella inferiore sono più chiare.
  4. Fioritura intorno ad aprile-maggio con fiori piccoli e verdastri.
  5. Ghiande, in ottobre, simili a quelle del cerro, con una cupola con lunghe squame (simili a capelli con gel)

 

Non mi resta che augurarvi una buona ed infernale escursione!

 

Alcune informazioni tecniche:

  • qui trovate la cartina completa del Sentiero delle Burraie
  • qui trovate la mia pagina Wikiloc ed il percorso nella Valle dell'Inferno (se non avete questa app scaricatela perchè è gratuita e molto utile per conoscere nuovi percorsi)

Per ogni altra vostra domanda mi trovate su InsagramFacebook e sul nuovo gruppo Telegram!

Articolo a cura di :

Arianna Lobina - "I Sentieri di Arianna"

 

Lascia il tuo commento
commenti