Con "Zaino in Spalla" da Monte Giovi fino alle sue pendici : un nuovo percorso alla scoperta della Valdisieve

Redazione Ok!Valdisieve Zaino in spalla
visibility868 - OkValdisieve - domenica 23 maggio 2021
Le Casaccie
Le Casaccie © Arianna Lobina

Ciao a tutti camminatori e non! Vi sono mancata la scorsa settimana? Eccomi qui con un nuovo bellissimo percorso per conosce meglio la nostra Valdisieve. Questo è un percorso per quelli che apprezzano prima il dolce e poi l'amaro. Infatti, si parte in discesa e, ahimè, si ritorna in salita. L’itinerario che vi propongo è facile/medio, ha una lunghezza di ca. 12 km ed una durata di ca. 6 ore.

Il Percorso Passo Passo

Si parte da Tamburino (Monte Giovi), dove potete lasciare la macchina. Da qui prendiamo il sentiero 11B e quasi subito ci troviamo davanti niente popo di meno che UNA BURRAIA (immaginate la mia emozione), anche se un po' diversa da quelle che siamo abituati a vedere. Continuando sul sentiero raggiungiamo Le Casaccie, case abbandonate che all'interno riportano scritte sui muri di tempi ormai passati. Scendiamo ancora con l'11 che troviamo alle spalle della casa e che ci condurrà fino a Barbiana. Qui è presente la Chiesa di Sant'Andrea, utilizzata fino alla fine degli anni 60 come scuola da Don Lorenzo Milani.

"Questi muri trasmettono sofferenza ed idee. Sofferenza di chi era scacciato ai margini della società ed idee capaci di formare persone libere"

Da qui percorriamo il Sentiero della Costituzione, molto carino, con cartelli ed immagini che rimandano ai vari articoli. Continuiamo, su strada asfaltata, fino al Lago Viola dove dei bellissimi calanchi sulla sinistra ci faranno compagnia durante il pranzo.

Riprendiamo la nostra camminata, al primo incrocio andiamo a destra, e raggiungiamo la Chiesa di San Martino a Scopeto con una lunga scalinata sul davanti e la cui prima menzione si ha intorno al 1024. A questo punto iniziate a scaldare le gambe perché sta per arrivare la salita. Prendiamo quindi il sentiero 12 o soft 5 che, tra bei panorami, ci porterà prima a Montauto e poi su su fino al punto di partenza.

La morale di questo percorso potrebbe essere questa: dopo una discesa c'è sempre una salita e se la discesa è bella, la salita sarà ancora più bella.

Non mi resta che augurarvi una buona escursione!

Ps. Nulla vi vieta di partire dal Lago Viola (per esempio) e fare prima la salita e poi la discesa.

Alcune informazioni tecniche:

  • qui un sito molto carino dedicato interamente a Barbiana ed a Don Milani
  • qui trovate la traccia su Wikiloc

Per ogni altra vostra domanda mi trovate su InsagramFacebook e sul nuovo gruppo Telegram!

Articolo a cura di :

Arianna Lobina - "I Sentieri di Arianna"

Lascia il tuo commento
commenti