A Pontassieve arriva "Il Paese dei Balocchi". Tre giorni di circo e performance multimediali

Gli spettacolo saranno a cura di due compagnie di fama internazionale

Cultura
visibility197 - mercoledì 21 ottobre 2020
di Matteo Chelli
Più informazioni su
Circo
Circo © Alexandr Ivanov da Pixabay

"Il Paese dei Balocchi" è un progetto ideato e organizzato dall’associazione “MondoAmabile” che mette insieme arte di strada, circo, giocoleria e performance multimediali. Realizzato, in questa sua edizione, con la collaborazione del Comune di Pontassieve e lo Spazio MOB, “Il Paese dei Balocchi” porterà all’interno del chapiteau da circo nei giardini delle Montagnole in piazza Mosca a Pontassieve una tre giorni in cui sarà possibile assistere agli spettacoli di due compagnie di fama internazionale: Mr. Bang e il Duo Lucchettino. Uno spettacolo alle 18 e in replica alle 21, per i tre giorni, 23, 24 e 25 ottobre, in uno spazio organizzato per garantire il pieno rispetto delle normative anti- Covid19.

“Siamo arrivati – dice Gianni Amabile, direttore artistico del Festival – alla decima edizione e, nonostante le difficoltà di questo anno terribile, ce l'abbiamo messa tutta per esserci. Non abbiamo voluto fermarci perché crediamo molto nel nostro progetto e abbiamo deciso di produrre il Festival con le nostre uniche risorse, riadattandolo allo spazio e alle misure in vigore, perché non potevamo rinunciare alla nostra missione, quella di comunicare arte, bellezza e gioia. Grazie, quindi, per la preziosa collaborazione, allo Spazio Circo Mob, che ci ha offerto il meraviglioso chapiteau che ci ospiterà e all’Amministrazione di Pontassieve che ci ha accolti con gioia e calore, offrendoci sostegno e supporto”.
“In un momento così difficile per tutti noi – sostiene il Vicesindaco di Pontassieve e Assessore alla Cultura Carlo Boni – e in cui il mondo della cultura e dello spettacolo vivono la crisi più drammatica di sempre, siamo stati felici di poter offrire il nostro sostegno a chi, con professionalità e una grande passione, porta ogni giorno il sorriso sui volti dei bambini e degli adulti. Lo abbiamo detto tante volte: il distanziamento fisico che è necessaria e utile precauzione anti-Covid19 non può e non deve diventare distanziamento sociale, perché la condivisione e la vicinanza all’altro sono i principi su cui una società sana si incardina. Ovviamente, gli organizzatori hanno provveduto a garantire che gli spettacoli si svolgano nella massima sicurezza e nel totale rispetto della normativa vigente, quindi abbiamo ritenuto importante dare un segnale: al mondo della cultura, che Pontassieve promuove in ogni sua forma, alle nostre cittadine e ai nostri cittadini, soprattutto i più piccoli, che nonostante le restrizioni e le difficoltà di questi lunghi mesi devono continuare a poter vivere in un ambiente attento alla loro crescita educativa e culturale e agli altri amministratori, perché sostengano i progetti belli e ben organizzati come questo, che tanto danno alle nostre comunità.”
Lascia il tuo commento
commenti