S.Godenzo, gettano immondizia nel seccatoio dei marroni: "Tanta amarezza", il racconto di Cinzia

Cronaca
visibility1078 - venerdì 06 novembre 2020
di Martina Stratini
Più informazioni su
Seccatoio Marroni della Famiglia Martini
Seccatoio Marroni della Famiglia Martini © Ok!Valdisieve

Il Comune di San Godenzo è da sempre noto per i suoi marroni ed i prodotti ricavati da questo frutto. Di generazione in generazione viene tramandata la tradizione e molte famiglie del luogo dedicano il proprio tempo ed i propri sforzi per far sì che ogni anno si presenti un prodotto di volta in volta migliore.

Fra queste famiglie vi sono anche la Signora ed il Signor Martini che quest'anno, però, potranno avere una soddisfazione solo parziale per il raccolto della loro marroneta da frutto nella frazione di Castagno d'Andrea. Queste due anziane persone di Borgo San Lorenzo da anni hanno scelto di trasferirsi per quattro mesi l'anno (da settembre a dicembre) nella loro tenuta a Castagno d'Andrea per dedicarsi alla raccolta ed essiccazione dei loro marroni ed alla produzione di farina dolce. Un'attività che nel 2018 è stata anche premiata con il riconoscimento di "Miglior farina di castagne d'Italia".

Alla base della solo parziale soddisfazione del raccolto del 2020 vi è un brutto episodio verificatosi lo scorso 1 Novembre all'interno del seccatoio di proprietà della Famiglia Martini. Il seccatoio, per chi non conoscesse la sua funzione, è un annesso, simile ad una piccola casa, dove al pianoterra viene posta la legna ad ardere a fuoco lento mentre al piano superiore vengono posti i marroni (che saranno poi utilizzati per la produzione della farina dolce, ndr) ad essiccare per 40 giorni. A raccontare l'accaduto a Ok!Valdisieve la figlia Cinzia, fortemente amareggiata per quanto successo:

"Il pomeriggio del 1 Novembre 2020 qualcuno ha pensato di compromettere tutto il loro lavoro. Approfittando di qualche ora di assenza dei miei genitori, ha divelto la finestra sul retro del seccatoio, ha cosparso di immondizia e di chissà cos’altro la legna che brucia lentamente per essiccare i marroni. Per quest’anno la fatica e la dedizione dei miei genitori che, sebbene anziani, svolgono con passione un lavoro antico, potranno forse non essere premiate!! Qualcosa sembra che potrà essere salvato ma una parte del raccolto no. Rimane tanta amarezza e indignazione e la condanna per chi ha commesso questo gesto."

La Famiglia Martini ha subito denunciato ai Carabinieri di Borgo San Lorenzo l'episodio e sono attualmente in atto le indagini delle autorità. "Non si tratta di una questione economica - conclude ad Ok!Valdisieve la figlia Cinzia - ma una questione umana. I miei genitori fanno immensi sacrifici per portare avanti questa attività. Gli odori e i vapori che si sono sviluppati hanno reso inutilizzabili alcuni dei marroni che stavano essiccando. Fortunatamente però ci siamo resi subito conto dell'accaduto e, essendo che l'essiccazione era iniziata solo il giorno prima, abbiamo sventato quello che ci avrebbe potuto procurare un danno ben maggiore".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Cinzia Collacchioni ha scritto il 06 novembre 2020 alle 14:01 :

    Conosco bene il lavoro, la passione e la dedizione necessari per l'essiccazione dei marroni al fine di ottenere i marron secchi e poi la farina. Resta veramente l'amaro in bocca per questi gesti dettati non si sa da che cosa a danno delle persone... Atti vandalici che ovviamente in un paese civile non dovrebbero succedere e che in ogni caso andrebbero punti Tutta la mia solidarietà a Patrizia e Gigi Martini Rispondi a Cinzia Collacchioni

  • Patrizia santi.i ha scritto il 06 novembre 2020 alle 11:49 :

    Grazie della pubblicazione è della compressione.Grazie veramente di cuore Rispondi a Patrizia santi.i