Con il primo round del campionato CIV, torna lo spettacolo nel Mugello

Il panorama del Mugello fa da cornice ad un evento motociclistico fra i più attesi.

Auto e Moto
visibility20 - mercoledì 21 aprile 2021
di Simone Melloni
Più informazioni su
Alberto Surra (67) festeggia la pole position in Moto 3.
Alberto Surra (67) festeggia la pole position in Moto 3. © Simone Melloni

Ad un anno di distanza dall’ultimo evento sportivo al Mugello, l’emergenza Covid-19 continua a persistere nel nostro paese e l’organizzazione sportiva del CIV ha deciso di disporre rigide misure di protocollo per salvaguardare la continuità della manifestazione motociclistica.

L’accesso all’autodromo è consentito ai soli addetti del circuito, allo staff dell’evento sportivo, ai fotografi e giornalisti con un numero limitato di pass e, naturalmente, ai piloti con il loro organico specializzato.

Poter partecipare a un evento così rinomato e conosciuto in ambito europeo è qualcosa di indescrivibile, sia per chi vi gareggia e sia per noi del giornale che abbiamo la fortuna di potervelo raccontare in prima persona. Un grande ringraziamento va all’ufficio stampa del CIV e in particolar modo a Chiara Magna per la sua professionalità e gentilezza.

Vi vogliamo raccontare un aneddoto che è rimasto impresso nella nostra memoria in questo week end sportivo.

Al nostro arrivo nel Media Center del Mugello ci ha colpito l’addetto al briefing giornaliero che, durante le numerose riunioni tecniche con i piloti, ha più volte sollecitato i partecipanti a rispettare le norme di sicurezza per garantire l’integrità e lo svolgimento di ogni categoria sportiva. Tutto ciò evidenzia la professionalità e la passione che coinvolge personalmente ognuno degli operatori dell’evento.

 

La giornata di venerdì è stata protagonista di condizioni atmosferiche variabili con temperature rigide e forti raffiche di vento.

Con una umidità al 49% e una temperatura non superiore ai 5 °C sull’asfalto, l’evento motociclistico ha saputo regalare grandi emozioni già nelle prime sessioni prefissate nella mattina.

Nella prima sessione di prove libere della Women’s European Cup, il miglior tempo è stato segnato dal pilota croata Alexandra Pelikanova (32) con 2’14.092, seguita dalla russa Masha Medvedeva (8) e l’italiana Roberta Ponziani (96).

 

A seguire hanno fatto il loro debutto i piloti della National Trophy 600, dove Nicholas Spinelli (29) ha fermato il crono sul tempo di 1’56.268, distaccando Matteo Ciprietti (51) e Armando Pontone di ben mezzo secondo sul giro.

La categoria National Trophy continua la manifestazione con la classe 1000, dove Luca Salvadori (23) si presenta ancora una volta sul circuito del Mugello come l’uomo da battere. Infatti il pilota Ducati ha ottenuto il miglior tempo di 1’52.550, sopraggiungendo Roberto Tamburini (2) e Christian Gamarino (18). Ottima quinta posizione per il pilota classe ‘79 Alessandro Torcolacci (77) di Vicchio.

 

A metà mattinata le donne rifanno il loro ingresso in pista per la seconda sessione di prove libere della Women’s European Cup, dove Alexandra Pelikanova (32) si riconferma come il pilota più veloce della categoria con il tempo di 2’12.099, seguita dall’italiana Roberta Ponziani (96) e la russa Masha Medvedeva (8).

 

Nella Pre Moto 3 il pilota spagnolo Alberto Ferrandez (54) ha ottenuto miglior tempo di 2’05.928, sopraggiungendo di soli 35 centesimi Cesare Tiezzi (34) e di ben mezzo secondo Cristian Basso (18). Difficile debutto per il pilota classe ‘08 Guido Pini (93) di Borgo San Lorenzo che chiude la sessione con un ritardo di oltre un secondo e messo.

 

La manifestazione sportiva prosegue con un’altra “giovane classe”, dove i due piloti del Team Bardhal VR46 Rider Accademy hanno ottenuto il primo e secondo posto nella categoria Moto 3. Infatti Alberto Surra (67) con il tempo di 1’59.089 ha proceduto di ben otto decimi il suo compagno di squadra Elia Bartolini (23) e di oltre un secondo Filippo Bianchi (7).

 

Infine nell’ultima prova della mattina Lorenzo Gabellini (36), grazie al crono di 1’51.614, ha preceduto Luca Vitali (70) e Lucas Mahias (70) nella categoria Superbike.

 

Nel primo pomeriggio rigogliosi raggi solari fanno capolino dalle fitte nubi e illuminano la vallata del Mugello, permettendo alla temperatura di raggiungere i 30 °C sull’asfalto.

Nella seconda sessione di prove libere della National Trophy 600, Matteo Ciprietti (51) riesce ad imporsi su Nicholas Spinelli (29) e Tommaso Lorenzetti (154) con il tempo di 1’54.711. Successivamente nella classe 1000 rimane tutto invariato con Luca Salvadori (23) che ottiene il miglior giro con 1’51.716, seguito a breve distanza da Roberto Tamburini (2) e Christian Gamarino (18). Settima posizione per il pilota di Vicchio Alessandro Torcolacci (77) che ferma il proprio crono sul tempo di 1’53.650.

 

Purtroppo il vento gelido torna a soffiare sul circuito del Mugello e le nubi in cielo tornano a fare da padrone, causando un repentino calo delle temperature.

La prima sessione di qualifiche della Women’s European Cup vede ancora una volta protagonista la splendida prestazione di Alexandra Pelikanova (32), seguita a soli 18 centesimi da una tenace Roberta Ponziani (96).

 

Nelle “categorie giovanili” Cesare Tiezzi (34) ottiene il miglior tempo di 2’04.351 nella Pre Moto 3, mentre nella Moto 3 i due piloti del Team Bardhal VR46 Rider Accademy si riconfermano come i piloti più veloci della sessione. Continua il duro week end per il pilota di Borgo San Lorenzo Guido Pini (93) che termina la sessione in ultima posizione senza completare nemmeno un giro.

 

Al temine della giornata Lucas Mahias (44), grazie ad una una splendida prestazione, ottiene il miglior tempo di 1’50.805 e sopraggiunge un ottimo Michele Pirro (51) nella categoria Superbike.

 

La giornata di sabato è protagonista di condizioni meteorologiche ben differenti dalla precedente con temperature di 23 °C sull’asfalto già presenti dalle prime ore della mattina.

La manifestazione sportiva si apre con la seconda fase di qualifiche di Pre Moto 3 che vede ancora una volta il pilota spagnolo Alberto Ferrandez (54) ottenere il miglior tempo di 2’05.245.

 

In Moto 3 Alberto Surra (67) si riconferma il pilota da battere, sopraggiungendo il proprio compagno di squadra Elia Bartolini (23) di 2 decimi e distaccando la concorrenza di ben oltre un secondo e mezzo. Possiamo dire un ottimo debutto del Team Bardhal VR46 Rider Accademy che, sotto la preziosa guida di Pietro Bagnaia, dominano le prime sessioni della competizione.

 

Il pilota francese Lucas Mahias (44) torna a dettare il passo nella categoria Superbike con il tempo di 1’50.583, distaccando di 71 millesimi Luca Vitali (70) e di 4 decimi Lorenzo Gabellini (36). Un Michele Pirro (51) ottiene la quinta posizione con un ritardo di ben oltre i 4 decimi, forse impegnato nel sistemare le ultime regolazioni per un assetto vincete da gara.

 

La National Trophy 600 vede ancora una volta protagonista la lotta serrata tra Matteo Ciprietti (51) e Nicholas Spinelli (29), dove quest’ultimo riesce ad avere la meglio sull’altro per una differenza di 3 centesimi sul tempo di qualifica.

Nella classe 1000 Luca Salvadori (23) è imprendibile e con un distacco di ben oltre un secondo impone ai propri avversari di cambiare il proprio ritmo sul tempo di giro.

Sesta posizione per il pilota mugellano Alessandro Torcolacci (77) che dovrà far ricorso a tutte le proprie doti atletiche per raggiungere il podio nella prima gara.

 

Anche nella Women’s European Cup continua la competizione tra l’italiana Roberta Ponziani (96) e la croata Alexandra Pelikanova (32), dove quest’ultima ottiene la pole position di 2’10.599 distaccando l’avversaria di ben 6 decimi. Terzo posto a sorpresa per la spagnola Sara Sanchez (64) che sopraggiunge la russa Masha Medvedeva (8) di oltre un secondo.

 

Nel primo pomeriggio il sole torna a risplendere sul circuito del Mugello, permettendo alle temperature di raggiungere i 31 °C sull’asfalto e ai piloti di avere un miglior feeling con la pista.

La gara di apertura della manifestazione è della categoria Superbike che ha visto tagliare per primo il traguardo Lucas Mahias (44). Il pilota francese, nonostante la brillante prestazione, è una wild card con configurazione mondiale e per questo non ha ottenuto nessun punto in classifica. Il podio della gara è tutto tranne che scontato con un Michele Pirro (51) che vince grazie a una decisiva volata finale, seguito da Flavio Ferroni (33) con un misero distacco di 38 centesimi.

 

In Moto 3 non mancano i colpi di scena con il Team Bardhal VR46 Rider Accademy che al primo giro perde il protagonista assoluto delle precedenti sessioni. Infatti Alberto Surra (67) all’uscita della curva Savelli, perde il controllo della propria moto e finisce nella ghiaia. Elia Bartolini (23) prende il comando della gara, ma il suo compagno di squadra non si perde d’animo e prova a intraprendere una disperata rimonta.

Al termine della gara Elia Bartolini (23) conquista la sua prima vittoria stagionale con un vantaggio di oltre tre secondi sugli avversari. Alberto Surra (67) ottiene una prestazione da applausi, poiché dall’ultima posizione ha terminato la propria gara in quinta posizione dimostrando una grande determinazione sportiva.

 

In Pre Moto 3 abbiamo assistito a quello che è stato preannunciato nelle sessioni pretendenti, ovvero una lotta per la vittoria serrata tra più contendenti. Infatti la gara ha visto ben sei piloti lottare gomito a gomito fin sotto la linea del traguardo. La vittoria è stata ottenuta dal pilota spagnolo Alberto Ferrandez (54), che ha distaccato di nemmeno un decimo Leonardo Zanni (57), Riccardo Trolese (10) e Cesare Tiezzi(34).

 

Nell’ultima gara in programma della giornata Roberta Ponziani (96) ha ottenuto una splendida vittoria nella categoria Women’s European Cup, precedendo la connazionale Sabrina Della Manna (49) e la spagnola Sara Sanchez (64). Quinto posto per la russa e dominatrice delle sessioni precedenti Alexandra Pelikanova (32), che vede vincere la sua avversaria con un distacco di ben 2 decimi e mezzo.

 

Il pomeriggio di sabato termina con la seconda fase di qualifiche della National Trophy, dove nella classe 1000 Luca Salvadori (23) detta ancora la dura legge sul giro secco e si classifica ancora una volta come il pilota più veloce nella sua categoria. Alessandro Torcolacci (77) ottiene una buona sesta posizione e fa ben sperare i tifosi mugellani in vista della gara.

Infine nella classe 600 Nicholas Spinelli (29) ottiene la pole position con un tempo di 1’54.871, seguito a sua volta da Matteo Ciprietti (51) e Andrea Bolognesi (31).

 

La giornata di domenica è caratterizzata da abbondanti nubi nel cielo del Mugello che causano la presenza di una umidità al 52% e di una temperatura di appena 14 °C sull’asfalto.

I piloti di ogni categoria hanno difficoltà ad interpretare le condizioni del tracciato ma, come era auspicabile, tutti scelgono l’assetto e le gomme da gara asciutta.

 

La manifestazione sportiva dell’ultimo ultimo giorno di week end si apre con la seconda gara della Women’s European Cup, che si rende protagonista a pochi giri dalla fine di un incidente di gara alla curva Bucine. Infatti l’italiana Sabrina Della Manna (49) prova a superare la russa Alexandra Pelikanova (32), ma sbaglia l’ingresso e la tampona. Per il talento russo è stato un fine settimana completamente da dimenticare, ma ci aspettiamo il suo riscatto nei Round successivi del campionato.

La collisione tra i due piloti costringe i commissari di gara ad esporre la bandiera rossa e ad interrompere la gara. Vince la gara Sara Sanchez (64), davanti alla connazionale Beatriz Neila Santos (36) e l’italiana Roberta Ponziani (96). Guida la classifica generale Sara Sanchez (64) con 46 p., seguita da Roberta Ponziani (96) con 41 p. e Beatriz Neila Santos (36) con 37 p.

 

La National Trophy classe 600 vede trionfare ancora una volta Nicholas Spinelli (29), che ottiene il bottino pieno in questo week end di gara e un ottimo inizio stagione.

Secondo posto per Matteo Ciprietti (51) che per solo un decimo di ritardo non riesce ad ottenere il gradino più alto del podio. Buona prestazione per Marco Marcheluzzo (211) che grazie ad ottima gara riesce a conquistare il terzo gradino del podio e punti importanti per il campionato.

 

Nella classe 1000 Luca Salvadori (23) non ha una buona partenza allo spegnimento del semaforo e si ritrova ad affrontare la curva San Donato in terza posizione. Roberto Tamburini (2) prende il comando della gara e prova a prendere il largo, imponendo il proprio ritmo di gara.

Ma “il pole man” del fine settimana decide di non arrendersi e decide di intraprendere la rimonta per la prima posizione. Infatti Luca Salvadori (23) all’inizio del secondo giro ha recuperato tutte le posizioni perse e con caparbietà comincia ad effettuare giri veloci da qualifica. In pochi giri il pilota Ducati riesce a guadagnare un vantaggio di oltre 4 secondi, evidenziando la propria superiorità sul circuito del Mugello.

Luca Salvadori (23) conquista il gradino più alto del podio in scioltezza, seguito da Roberto Tamburini (2) e Alessio Velini (2).

Quarta posizione per un sorprendente Alessandro Torcolacci (77) che rispetta le aspettative del proprio team e dei tifosi del territorio del Mugello.

 

In Superbike si è reso protagonista il testa a testa tra la Ducati Barni del pluricampione italiano Michele Pirro (51) e la Honda di Luca Vitali (70). Nelle tornate finali il pilota Ducati ha messo in mostra tutto il suo talento, trovando il momento giusto per sferrare l’attacco decisivo all’inseguitore rivale. Michele Pirro (51) ottiene una splendida vittoria sul pilota della Honda, distaccandolo di ben 4 decimi al taglio del traguardo. Ottima prestazione per Luca Vitali (70) che chiude il weekend del Mugello con un doppio secondo posto. Terzo gradino del podio per Lorenzo Gabellini (36) che riesce ad avere la meglio su Gabriele Ruiu (16).

In classifica generale Michele Pirro (51) è leader con 50 p. davanti a Luca Vitali (70) con 36 p. e Flavio Ferroni (33) e Lorenzo Zanetti (87) a 24 p.

 

La Moto3 è stata protagonista di una solitaria lotta a due per la conquista della vittoria, i quali allo stesso tempo dividono il box. Infatti Bartolini Elia (23) e Alberto Surra (67) hanno condotto la gara dall'inizio alla fine in testa al gruppo, mettendo in scena una gran bagarre fatta di sorpassi e controsorpassi.

Alla fine è stato Bartolini Elia (23) a conquistare il gradino più alto del podio, portandosi a casa un'importante vittoria per lui e il suo team.

Dietro di loro ha avuto luogo un’altra battaglia per il terzo posto, conquistato da Biagio Miceli (9). Infatti il pilota del Junior Team Total Gresini ha chiuso davanti a Matteo Morri (14) e all'esordiente nella categoria e campione in carica Premoto3 Cristian Lolli (29). In classifica generale Bartolini Elia (23) è a punteggio pieno davanti a Biagio Miceli (9) con 32 p., seguito da Alberto Surra (67) con 31 p. 

 

In Pre Moto 3 non è mancato il finale al fotofinish, dove Riccardo Trolese (10) è riuscito ad ottenere uno splendido primo posto sul pilota spagnolo Alberto Ferrandez (54) e il connazionale Cesare Tezzi (34). In classifica generale Alberto Ferrandez (54) conquista il primo posto con 45 p. , davanti a Trolese con 41 p. e Zanni con 33 p.

 

Nel corso della pausa pranzo spazio ad una parata celebrativa di Moto Guzzi in occasione del centenario della casa dell’Aquila di Mandello. A percorrere la pista del Mugello sono stati veri e propri gioielli quali la 350 bialbero campione del mondo nel 56, la 500 8 cilindri a V del 56 vincitrice della Coppa Oro Shell nel 57 e il bicilindrico 500 del 1951. Accanto a loro, la MGS 1 preparata dai fratelli Guareschi e vincitrice a Daytona con Gianfranco e una delle V7 del Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance European Cup 2021. A guidare le moto, oltre a Gianfranco, presente anche Vittoriano Guareschi.

 

Il CIV ha fatto il suo ritorno nell’autodromo del Mugello e, nelle sue splendide vallate, è tornata a circolare quell’aria ricca di passione ed emozioni sportive.

Lascia il tuo commento
commenti