Vaccinarsi per prevenire. Da lunedì a Figline e Incisa al via la campagna vaccinale antinfluenzale

Aumentate le date di disponibilità e gli spazi in cui si svolgeranno le vaccinazioni

Attualità
visibility192 - sabato 17 ottobre 2020
di Matteo Chelli
Più informazioni su
Vaccinazione
Vaccinazione © Angelo Esslinger da Pixabay

Partirà lunedì 19 ottobre la campagna vaccinale antinfluenzale che vede anche i medici di Figline e Incisa Valdarno impegnati sul territorio per proteggere i propri pazienti dal virus stagionale e per allontanarli, quindi, dal sospetto di Covid19 (dal momento che i due virus condividono i sintomi).

Oltre a garantire le vaccinazioni in ambulatorio, infatti, per aumentare le date di disponibilità dei medici locali la coordinatrice zonale dei medici di medicina generale, la Dott.ssa Maria Grazia Mori, ha chiesto al Comune la disponibilità di spazi abbastanza ampi da poter garantire il mantenimento delle distanze di sicurezza tra i pazienti ed un supporto per evitare sovraffollamenti. Il Comune, attraverso il sistema di Protezione civile e grazie alla collaborazione di alcune realtà territoriali, ha risposto positivamente all’appello, garantendo sia la presenza di volontari agli ingressi degli edifici sia la disponibilità di spazi consoni. Le vaccinazioni infatti, si svolgeranno al Circolo Tennis di Matassino, al Circolo Arci Rinascita di Figline e al Circolo Arci di Incisa.

Per conoscere le date e gli orari in cui sarà possibile recarsi in questi tre luoghi è possibile contattare il proprio medico curante (Bucciardini, Capassoni, Carbonai L., Carbonai R., Chiosi, Chiarantini, Cilio, Giovannini, Fantoni, Lazzerini, Martinez, Mori, Porri, Tozzi, Ricci), incluso nella “task force comunale”.

A fornire la propria assistenza e ad occuparsi del contingentamento agli ingressi” saranno le seguenti associazioni, coordinate dal Responsabile comunale Michele Benedetto: Gaib, Pro Civ, Calcit Valdarno fiorentino, Croce Rossa, Croce Azzurra e Misericordia Figline.

“Ringrazio tutti i miei colleghi, il Comune e le associazioni per la preziosa collaborazione – commenta la coordinatrice del progetto, Dott.ssa Mori -. Ricordo che, causa Covid19, avere una copertura vaccinale quest’anno è indispensabile. È dunque raccomandata a tutta la popolazione e, in particolare, a tutti i soggetti a rischio e alla loro rete di contatti più stretti. Penso, ad esempio, alle badanti, che lavorano a contatto con gli anziani, ma anche ai loro familiari. Oltre agli over 60, comunque, le categorie considerate maggiormente a rischio sono gli immunodepressi, anche oncologici, i bambini di età compresa tra 6 mesi e 6 anni di vita, gli adulti e i bambini a rischio per particolari patologie, per complicanze o per ricoveri legati all’influenza, le donne in gravidanza, gli operatori sanitari e in generale i dipendenti pubblici che svolgono attività essenziali e che lavorano al pubblico”.

“Mi unisco ai ringraziamenti nei confronti delle nostre associazioni, dei nostri circoli territoriali e del nostro sistema di Protezione civile che, come sempre, non mancano di darci una mano e di offrire supporto in questa difficile fase emergenziale – commenta la Sindaca di Figline e Incisa Valdarno, Giulia Mugnai – e ringrazio la task force medica locale per essersi attivata in maniera così massiccia a Figline e Incisa, per garantire la più ampia copertura vaccinale possibile, e in generale per la sensibilità dimostrata nel voler dare ampia diffusione alla campagna di vaccinazione, così da avvicinare i cittadini a questa pratica importante. Invito quindi tutti i nostri cittadini, specie quelli più a rischio dal punto di vista sanitario, ad approfittare di questa opportunità gratuita e di chiedere informazioni al proprio medico curante, per essere indirizzati sulle date, sugli orari e sui luoghi in cui vaccinarsi. La prevenzione, quest’anno, è ancora più importante perché l’obiettivo è proteggere le categorie più a rischio e, in particolare la fascia d’età più anziana, particolarmente colpita dal Covid19”.

Anche gli altri medici di famiglia effettueranno, come sempre, i vaccini presso i propri ambulatori, ma solo nell'orario classico di ricevimento, a differenza della task force comunale che ha organizzato turni extra nei tre circoli sopra indicati per garantire la copertura massiva.

Lascia il tuo commento
commenti