Città metropolitana, 90 assunzioni entro il 2024: i profili ricercati

Attualità
visibility322 - lunedì 06 giugno 2022
di Redazione OK!Valdisieve
Più informazioni su
Ufficio
Ufficio © Pixabay

 Il 61 per cento figure tecniche, il 39 amministrative. Nardella: "Definito il Piano triennale del fabbisogno di organico. Metrocittà sempre più all'altezza delle aspettative. Grande impegno degli uffici"

Grazie a un Decreto del Ministero dell'Interno pubblicato a febbraio, che ha stabilito i parametri per le assunzioni nelle Province e nelle Città Metropolitane in funzione del numero di abitanti e della sostenibilità finanziaria, anche la Metrocittà Firenze "potrà fare un salto di qualità per incrementare il lavoro, già condotto con abnegazione dagli uffici, e la capacità di spesa del nostro ente - spiega il Sindaco della Città Metropolitana Dario Nardella - Dunque 28 le assunzioni a ruolo nel 2022, 3 nuovi contratti di formazione lavoro e uno di somministrazione a tempo determinato; a queste, nello stesso anno, vanno aggiunte altre 30 già programmate prima del decreto; 21 le assunzioni nel 2023 e 11 conversioni di Contratti di formazione nel 2024. Dunque sono programmate circa 90 assunzioni con la prospettiva da fare crescere ulteriormente la pianta organica dell'ente". Il relativo atto è in corso di approvazione.

L'attuale dotazione organica della Città Metropolitana è di 382 unità. Tenendo conto che entro il 2023 andranno in pensione 34 dipendenti, si arriverà dunque a 438 unità. Sono questi i numeri previsti dal Piano triennale del fabbisogno della Metrocittà Firenze. 

È stato possibile accogliere nell'arco del triennio le richieste avanzate dalla dirigenza nella misura complessiva del 75 per cento, oltre alla trasformazione dei contratti di formazione lavoro in essere e di futura attivazione: il 61 per cento per figure tecniche e il 39 di figure amministrative.

Grazie al nuovo decreto del Ministero anche le Province e le Città Metropolitane, per anni bloccate nelle assunzioni dalle logiche di contenimento della spesa e dal criterio del turn-over, possono ora incrementare la propria spesa del personale "permettendo una migliore programmazione, funzionale alla propria missione istituzionale, agli obiettivi da perseguire, alle concrete modalità per garantirne il loro raggiungimento e alle risorse necessarie, nel rispetto del principio di buon andamento che regola l'agire amministrativo: l'ultimo bilancio approvato per il triennio 2022-2024 dice nel concreto la grande performance su cui sono impegnati gli uffici della Metrocittà di Firenze. 105 milioni per le scuole, 91 milioni per viabilità e 92 per la pianificazione del territorio, 4 milioni per la gestione del Tpl e altrettanti per Protezione civile e attività di forestazione. 157 milioni di euro i fondi provenienti dal Piani integrati di rigenerazione urbana".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento
commenti