Effetti economici del Covid19: a Figline e Incisa 60mila euro di contributi

Attualità
visibility132 - martedì 12 gennaio 2021
di Martina Stratini
Più informazioni su
Economia
Economia © Pixabay

Il Comune di Figline e Incisa Valdarno ha deciso di erogare contributi a favore di singoli cittadini e famiglie più in difficoltà e maggiormente esposti agli effetti negativi dell’emergenza pandemica da COVID-19.

Nel dettaglio il bando, aperto fino al 28 febbraio, è riservato ai cittadini residenti a Figline e Incisa Valdarno in possesso di valore Isee Corrente (l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore a 12mila euro, che potranno accedere ad un bonus di 750 euro (se in possesso di Isee dai 6000,01 euro a 12mila euro) o di 1000 euro a nucleo familiare (se in possesso di Isee fino a 6mila euro). Il tutto grazie ad un apposito fondo di 60mila euro, che potrà essere utilizzato dagli assegnatari per l’acquisto di generi alimentari, per il pagamento delle bollette o per qualsiasi altra necessità.

Le domande potranno essere compilate solo online sul sito del Comune. Sarà richiesto l’inserimento anche del proprio Isee Corrente, che può esser richiesto solo da chi ha subito un peggioramento della sua situazione lavorativa o economica oppure una variazione del reddito complessivo del nucleo familiare superiore al 25%. Il riferimento è l’Isee ordinario: per richiedere l’Isee corrente, quindi, sarà necessario essere in possesso dell’Isee ordinario e di apposita documentazione che attesti l’effettiva variazione della propria situazione reddituale nel 2020.

“L’Avviso pubblico online da ieri (lunedì 11 gennaio, ndr)– spiega l’assessore alle Politiche sociali, Simone Cellai – si inserisce nell’ambito di un più ampio pacchetto di aiuti destinati a chi, a causa dell’emergenza sanitaria in corso, si trova anche in difficoltà economica. Si tratta di un totale di oltre 140mila euro, che includono 60mila euro di contributi da utilizzare per qualsiasi spesa o necessità familiare (come previsto nel bando pubblicato oggi), più ulteriori 60mila euro già redistribuiti agli assegnatari di contributo affitto e oltre 21mila euro di contributi a fondo perduto destinati ad associazioni e società sportive del territorio, che hanno sostenuto spese aggiuntive per rispettare i protocolli anticovid. Un modo per essere vicini a cittadini e realtà territoriali in questo delicato momento storico e andare incontro, con lo stanziamento di apposite risorse comunali, ai nuovi bisogni emersi a causa della pandemia”

Lascia il tuo commento
commenti