OK!Valdisieve

Rignano, "A ballo con il bullo": grande successo per la serata finale del progetto. Molti giovani partecipanti per la lotta al bullismo

Presente anche il portavoce della Regione Toscana Bernard Dika

  • 161
Foto della serata ’’A ballo con il bullo’’, progetto con i giovani del Comune di Rignano sull’Arno Foto della serata ’’A ballo con il bullo’’, progetto con i giovani del Comune di Rignano sull’Arno © Ufficio Stampa Comune di Rignano sull’Arno
Font +:
Stampa Commenta

Venerdì 14 giugno al cinema teatro Excelsior di Reggello serata conclusiva di “A ballo col bullo”, progetto promosso dal Comune di Rignano sull’Arno e realizzato dalla scuola MAD Movimento Arte Danza Asd  con l’Istituto Comprensivo di Rignano, in collaborazione con le associazioni Auser, Athena, Gruppo Sport e Cultura e Teatro Excelsior, finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito di Giovanisí "il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani".

Lo scopo è stato quello di far comprendere ai giovani e giovanissimi quanto il fenomeno del bullismo, specialmente sui banchi di scuola, può essere pericoloso e compromettere le relazioni sociali.

Durante la serata, alla quale ha partecipato anche Bernard Dika, portavoce del Presidente della Regione Toscana e promotore del Progetto Giovanisì, è stato proiettato il video realizzato dal progetto e i giovani ballerini della MAD hanno danzato davanti agli spettatori in una coreografia particolare e accattivante volta a catturare l’attenzione sul fenomeno del bullismo, purtroppo molto dilagante. 

“Siamo particolarmente soddisfatti dei risultati ha detto l’assessora all’Istruzione del comune di Rignano sull’Arno Federica Morandi- e siamo contenti di essere qui stasera a conclusione di un importante progetto che ci ha convinti fin dall’inizio. Prevenire il bullismo è ormai una emergenza sociale, perché davvero diffuso e per certi versi molto drammatico. Tutti gli studenti della scuola secondaria di Rignano hanno partecipato con entusiasmo al progetto, rispondendo alla nostra sfida di poter contribuire alla diffusione di una cultura del rispetto e della tolleranza, che ripudia atteggiamenti e comportamenti arroganti e di sopraffazione, e questo è stato fatto in modo originale, mettendo insieme una disciplina artistica, la danza, con la musica e la tecnologia dei social netwok, ne è uscito un video davvero emozionante. Complimenti ragazzi!”. 

“Un progetto importante di cui sono orgoglioso. – ha detto Antimo Lomonaco, direttore artistico di MAD, nonché ballerino, coreografo, insegnante di danza. -  Occorre parlare alle ragazze e ai ragazzi di questi temi che vivono ogni giorno sulla loro pelle, senza retorica ma con un linguaggio che sia a loro comprensibile. In questo caso la danza e la cultura in generale svolgono un’importante funzione educativa e di crescita. I social network e il web, luoghi dove spesso il bullismo si diffonde con conseguenze terribili, diventano i mezzi per contrastarlo e diffondere consapevolezza, trasformandosi in un luogo un po’più sano dove le nuove generazioni, accanto alla vita sociale in presenza, possano raccontarsi in modo originale e creativo.  Al ballo col bullo ha avuto l’ambizione di dare un contributo in questo senso, la danza e tutte le arti hanno la funzione indispensabile di convogliare queste energie e portarle da un utilizzo negativo a un utilizzo creativo e positivo  

Il video realizzato dai ragazzi del progettoE

Lascia un commento
stai rispondendo a